default_mobilesplash

Corso della memoria e ginnastica

 

Tutti i mercoledì: 10-11:45 Corso Memoria e a partire dalle 14 Ginnastica Dolce

 

Leggi tutto...

vacanze al mare

Pedicure Medicale

È una branca della scienza medica che si occupa della cura del piede. Previene e cura le affezioni della pelle e delle unghie, tratta le alterazioni alle dita e al piede per alleviare il dolore di certe affezioni.

Leggi tutto...

Nel 1983 la Fondazione Vita Serena si concentrò maggiormente sull’aspetto della continuità nel tempo e della ricerca di nuove opportunità in favore delle persone bisognose.

Le autorità comunali di Giubiasco accolsero l’intenzione con grande disponibilità mettendo a disposizione un’aula dell’asilo in Via del Tiglio. Nacque così il “Centro d’incontro per invalidi, anziani e persone sole”, che offrì tutti i giovedì pomeriggio novità dal profilo sociale, culturale, ricreativo e gastronomico. Verso la fine degli anni ’90 il “Centro d’incontro” venne trasferito nello stabile in Viale 1814 N. 3. dove ha continuato ad essere un vero e proprio punto d’incontro innescando un processo di vita comunitaria.

A partire dal mese di luglio 2012, grazie ad un progetto di riorganizzazione dei centri diurni cantonali portato avanti dall’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio (UACD), il centro d’incontro è stato trasformato in centro diurno socio-assistenziale.

L’obiettivo è quello di permettere agli anziani di poter usufruire di strutture che offrano attività ricreative e di socializzazione che permettano alla persona di sentirsi integrata e di allontanare la sensazione di solitudine che spesso accompagna la terza e quarta età. Nelle strutture socio-assistenziali l’anziano ha inoltre la possibilità di partecipare ad attività di tipo preventivo, coordinate da un professionista che possa valutare le esigenze individuali e mettere a punto dei progetti specifici.

La presenza al mercoledì di un’operatrice socio-sanitaria consente la presa a carico di persone con bisogno di assistenza, permettendo ai familiari di avere dei momenti di riposo indispensabili per tutelare la loro salute e quindi, di prolungare la permanenza a domicilio del proprio congiunto. Per le persone non più autosufficienti sono previste attività volte alla prevenzione del decadimento psicofisico e, nel limite del possibile, al recupero di funzioni già compromesse. L’accesso è libero e gratuito.

Per persone con difficoltà particolari è gradito un colloquio onde permettere al Centro Diurno di offrire un’adeguata risposta.